La musica nelle ossa

La musica morde, ti accende dentro e non solo per ballare.

Mosca, 1960. Anna sa bene ciò che ci si aspetta da lei e cosa significa studiare nel prestigioso Istituto Superiore Stella Rossa: ottimi voti, una condotta modello e un futuro già scritto nei più alti ranghi della società sovietica. E tutto procede come programmato, almeno finché alla Stella Rossa non arriva un nuovo studente diverso da chiunque altro. Marko gira per i corridoi con il colletto della giacca alzato e un sorriso sfrontato, in classe fa domande scomode e il suo passato sembra avvolto nel mistero. Ma, soprattutto, Marko non ha paura di sfidare quelle regole che sembrano assurde in anni in cui i giovani di tutto il mondo inneggiano alla libertà sulle note sfrenate del rock and roll, severamente vietato in Unione Sovietica, come tutto ciò che viene dall'Ovest. Ed è proprio con lui, tra feste segrete e riviste eversive, che Anna scopre quelle canzoni proibite. Violare le regole significa però giocare con il fuoco, e alla resa dei conti Anna e Marko rischiano di perdere ogni cosa: il loro rapporto, il loro futuro, la libertà.

  • I dischi sulle radiografie sono esistiti realmente, e permettevano di aggirare il monopolio statale sul vinile. Flessibili, facilmente nascondibili, costavano pochi rubli, ma non avevano etichetta (quindi non si sapeva cosa si stesse per ascoltare) e dopo una dozzina di ascolti erano rovinati. Hanno permesso a migliaia di sovietici di ascoltare il rock 'n roll e la musica occidentale.

 

GENERE Avventura/Storico/Formazione
TARGET 12+
EDITORE Mondadori, 2022

CHRISTIAN ANTONINI

(Milano, 1971) è autore di romanzi per ragazzi e per adulti. Cresciuto tra libri, fumetti e videogiochi, è appassionato di storia, avventura e fantasy. Nel 2016 ha vinto il premio nazionale Il Gigante delle Langhe con il romanzo Fuorigioco a Berlino, edito da Giunti.